Studio Legale Aguglia - Lecce
Home Page Home Page
Lo studio legale Aguglia Lo Studio
Consulenza Legale On Line Consulenza LegaleOn Line
Dove Siamo Dove Siamo
Link Utili Link Utili
Contatti Aree tematiche / Articoli / News
Contatti Contatti
Privacy Privacy
 
   
AREE TEMATICHE / ARTICOLI / NEWS
[torna indietro]
SULLA RIPARTIZIONE DELL' ONERE DELLA PROVA
23/10/2018

La violazione dell’articolo 2697 c.c. si verifica se il giudice di merito applica la regola di giudizio fondata sull’onere della prova in modo sbagliato, cioe’ attribuendo l’onus probandi a una parte diversa da quella che ne era gravata, secondo le regole della scomposizione della fattispecie basate sulla differenza tra fatti costitutivi ed eccezioni. Per  dedurre la violazione  dell’articolo 115 c.p.c., e’  necessario denunciare che il giudice non abbia posto a fondamento della decisione le prove dedotte dalle parti, cioe’ abbia giudicato in contraddizione con la prescrizione della norma, il che significa che deve aver giudicato o contraddicendo espressamente la regola di cui alla norma, cioe’ dichiarando di non doverla osservare, o contraddicendola implicitamente, cioe’ giudicando sulla base di prove non introdotte dalle parti e disposte, invece, di sua iniziativa al di fuori dei casi in cui gli sia riconosciuto un potere officioso di disposizione del mezzo probatorio. La  violazione non si puo’ ravvisare nella mera circostanza che il giudice abbia valutato le prove proposte dalle parti attribuendo maggior forza di convincimento ad alcune piuttosto che ad altre, essendo tale attivita’ consentita dall’articolo 116 c.p.c.  rubricato “valutazione delle prove”.

Cass Civ. Sez III Ordinanza 27 settembre 2018, n. 23184

 
Home Page | Lo studio | Consulenza On Line | Dove Siamo | Link Utili | Contatti | Privacy
Copyright 2007 Studio Legale Aguglia
Realizzazione sito: Smartcom Srl - Lecce Realizzazione siti internet, Assistenza computer a domicilio, Installazione reti di computer - Lecce